bwa199 dollari il prezzo di lancio con contratto con un noto operatore telefonico e dopo pochi mesi dall’uscita pur mantenendo il contratto viene proposto a o,99 dollari. Ifixit dice: è complicato da smontare e dunque da riparare! Le recensioni negative si accumulano sull’ e-commerce nella pagina del prodotto: 1,965 i giudizi a una stella! Alcuni lamentano la breve durata della batteria, altri la scarsa intuitività dell’interfaccia! Lanciate un mayday (funzione integrata tra l’altro)! Insomma lo sforzo del colosso di Seattle è stato vano per una serie di motivi che però potrebbero aver trovato rifugio dietro una tecnologia pseudo 3D che forse e sottolineo “forse” ri-vedremo in un remake, annunciato, del dispositivo.

il flop è sempre possibile

L’introduzione dell’articolo con questa cattiva notizia, almeno per amazon dato che il fire phone è stato un insuccesso, è semplicemente un espediente per togliersi il pensiero e passare al protagonista vero e proprio del fire phone.

prospettiva dinamica

rynynsEcco la principale caratteristica di questo device, che sembra innovare in un ambito poco esplorato da altri produttori di tecnologia mobile. Sul frontale il fire phone monta quattro sensori che rilevano informazioni che riguardano il punto in cui l’utente si trova rispetto al display. Questi sensori, potremmo dire alla stregua del più fortunato kinect, sono tarati per identificare i movimenti del viso e/o degli occhi e rispondere in termini di navigazione dinamica dell’interfaccia. In questo caso un movimento particolare simula una prospettiva dinamica, dando la sensazione di profondità e tridimensionalità. Per esempio le icone delle app saranno tridimensionali se viste da un angolo di visione obliquo. Così le mappe, i giochi e via dicendo.

mappe, videogiochi e gestures

[youtube id=”RvOIpN7ZiVg&list=UU2SwW791Vg4YBxTbcKcCVlA” align=”center” mode=”normal” autoplay=”no” maxwidth=”648″]

In questo video si evincono le caratteristiche peculiari di un certo concept che pian piano sta prendendo forma nei device di nuova generazione. Potremmo dire, azzardando, che si tratta di quella tendenza dei produttori ad assottigliare l’esperienza tattile e quindi fisica di interfaccia con un device, per sostituirla con una prettamente visiva e recettiva annullando di fatto l’interazione classica, quasi “analogica”, in una dinamica e innovativa ove l’azione corrisponde quasi a un automatismo fisiologico (vedi le gestures o il movimento del capo).

tecnologia firefly

[youtube id=”B7cvlWll85Q&list=UU2SwW791Vg4YBxTbcKcCVlA” align=”center” mode=”normal” autoplay=”no” maxwidth=”648″]

Tale teconologia, pur non essendo sorprendentemente miracolosa, fa convergere in se una serie di idee. La premessa necessaria è la seguente: si sta analizzando un prodotto realizzato da amazon, e-commerce per eccellenza, che farà da ancella nei nostri acquisti quotidiani. L’ipotesi è quella di poter semplificare in maniera esponenziale gli acquisti on-line. Se voleste possedere questo smartphone sappiate che è veicolo di servizi amazon. Tornando alla tecnologia firefly, che unisce riconoscimento di musica, video e prodotti e numeri telefonici, è logico pensare ad una integrazione capillare con le sezioni commerciali del relativo e-commerce.

specifiche tecniche

bwt

Fire Phone ha una scocca dal design sobrio, semplice, caratterizzata da una cornice di gomma che contiene un display da 4,7 pollici resistente agli urti grazie a Gorilla Glass. Il comparto hardware è performante: all’interno è infatti presente un processore quad core Qualcomm Snapdragon 800 da 2,2 Ghz, GPU Adreno 330, 2 GB di RAM e storage da 32/64 GB; la fotocamera principale ha un sensore da 13 megapixel con obiettivo f/2.0 e stabilizzatore ottico dell’immagine (OIS), e sarà possibile archiviare illimitatamente le foto online tramite il servizio Amazon Cloud.

Official site:  http://www.amazon.com/Fire_Phone_13MP-Camera_32GB/dp/B00EOE0WKQ