rt 1 (1)-2“Strade? Dove andiamo noi, non ci servono strade!”

In apertura una citazione tratta da un film cult degli anni 80, quasi 90, che anticipa questa strabiliante tecnologia. In sostanza un hoverboard, battezzato HENDOhover, che diventa realtà, entro il 2015 su kirckstarter, grazie al lavoro di una coppia californiana, Jill e Greg Henderson.

hendo__forlight_bkgd

premessa

Come in tutte le tecnologie new entry, siano esse completamente innovative o migliorative, c’è sempre qualche particolare che sfugge all’attenzione a causa della prima meravigliosa impressione, mamma di incomprensioni, che ne impedisce un sano approfondimento. Detto questo, il titolo la dice lunga. Si, è uno skate che si solleva a 2,5 cm dalla superfice per un peso massimo di 136 kg. Si, è personalizzabile in infinite soluzioni grafiche. Si, il prezzo stabilisce un limite 10,000 dollari per averne uno.

unzztitled

di strade ne servono e possibilmente metalliche

La sospensione elettromagnetica, tecnologia di cui si serve l’ HENDO, è stata largamente utilizzata, sperimentata e migliorata negli ultimi decenni. Vedi i famosi treni MagLev come il Transrapid di Shangai. La differenza è sostanziale: mentre un treno per muoversi necessita di  rotaie, in questo caso laminate in ferro, per respingere alla giusta distanza i magneti/ruote in modo da permettere la levitazione, così,  l’HENDO è dotato di magneti posti sulla superficie inferiore che lo farebbero levitare rispettando l’unica condizione necessaria di una superficie altrettanto metallica. Il principale limite è la piattaforma, appunto metallica, di cui non si può fare a meno. Ma che senso ha uno skate su rotaie? Altro limite dell’hoverboard che stiamo descrivendo è la scarsa, quasi assente, manovrabilità ma il sistema di controllo è uno degli aspetti su cui si sta lavorando.

49105-hendo-hoverboard

non solo skate

Come già citato sopra, questa tecnologia non è stata utilizzata per la prima volta, già altre sono state le sperimentazioni. Ma Henderson in questo caso va oltre il suo progetto, almeno teoricamente, guardando con ambizione a un futuro nel settore edile. Questo si tradurrebbe in pratica, o forse sempre e solo in teoria, in un sistema di levitazione applicato alle fondamenta di una struttura. Un sistema, dice Henderson che consentirebbe di sollevare un edificio mettendolo in sicurezza in caso di terremoti. Geniale.

Per il momento l’attenzione degli skater più aggiornati è concentrata sulla versione 2.0, certamente meno ortodossa, del caro vecchio deck.

[youtube id=”BuWflDnAO9s” align=”center” mode=”normal” autoplay=”no” maxwidth=”698″]

Vi lascio al video ufficiale.

[youtube id=”plwX5NtF530″ align=”center” mode=”normal” autoplay=”no” maxwidth=”698″]

Official site: http://www.hendohover.com/#/